Sabato 21 luglio dalle ore 20:00 il centro storico di Valenzano si anima con i suoni e gli aromi di Saperi&Sapori, l’iniziativa estiva organizzata dall’associazione L’ARCIpelago giunta quest’anno all’ottava edizione

Il cartellone del festival prevede due set live – Davide Ceddia e Indie Ferenti – e stand di ethnic street food su un percorso che collega 3 piazze: Largo San Benedetto, Largo Garibaldi e la corte del Castello Baronale Martucci. L’intero percorso sarà segnalato da oltre 100 barchette di carta, richiamo alla fragilità di chi lascia la propria terra alla ricerca di nuove speranze altrove. 

L’edizione 2018, infatti, è dedicata ai fenomeni migratori, nelle ultime settimane al centro della discussione politica per le scelte dell’attuale Governo. Una condizione, quella di migrante, che accomuna i tanti pugliesi che nel secolo scorso hanno solcato l’Oceano per raggiungere il Venezuela, gli Stati Uniti e il Canada e quanti oggi, per scappare da fame e guerre, affrontano il Mediterraneo su imbarcazioni fatiscenti. 

Come le persone, anche le culture viaggiano via terra e mare, influenzando tradizioni, usi e costumi. “Ancora oggi Saperi e Sapori varcano i nostri confini al termine di lunghissimi viaggi – spiega Davide Barba, presidente dell’associazione – Poco importa se le traversate avvengono su imponenti navi cargo o imbarcazioni fatiscenti. Come barchette di carta”. 

Il Programma 

Sul palco principale, alle ore 22, in Largo San Benedetto si esibirà il poliedrico Davide Ceddia, voce e autore dei Camilloré nonché raffinato cultore del dialetto barese e delle sue mille sfaccettature, come testimonia il suo gettonatissimo canale Youtube. La serata sarà aperta alle ore 21 dagli Indie Ferenti, freschi vincitori del contest per cantautori E cantava le canzoni. 

La proposta artistica prevede la lettura delle liriche del giovane poeta valenzanese Giuseppe Quaranta e una mostra di sculture in carta e fil di ferro realizzate dall’artista Vincenzo Chiarazzo

Fra gli stand gastronomici spicca la presenza di Ethnic Cook, laboratorio di cucina multietnica che vede impegnate ai fornelli la responsabile Ana Estrela e diverse donne richiedenti asilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.