Bidoni rotti: perchè non sostituirli?

Passeggiando per Bari capita di trovare agli angoli delle strade i bidoni per il conferimento dei rifiuti urbani, bidoni che nella maggior parte dei casi sono fatiscenti, puzzolenti e danneggiati.

E questo in pieno centro purtroppo…per non parlare poi della periferia.

La maggior parte presenta la sindrome della “leva rotta” che ne impedisce l’apertura. Immaginate un povero anziano costretto ad alzare con un braccio il coperchio e contemporaneamente con l’altro conferire i suoi rifiuti. Un’utopia!

…almeno finchè qualcuno non riesce a bloccarne l’apertura con una bella cassetta di frutta proiettando così un film dell’horror dal quale emergono insetti, mosche, rifiuti di ogni genere e mali odori.

Altri contenitori sono accartocciati, altri ancora senza coperchio come quelli marroni per la raccolta dell’organico, e allora ci si chiede: perchè non vengono sostituiti?

Non rispondeteci che la colpa è dei baresi!!

Chi di noi non ha mai visto lo stesso camion dell’Amiu scaraventare sull’asfalto i bidoni senza un minimo di diligenza per evitarne la rottura?

Certo, alcuni contenitori è vero, dai baresi sono stati vandalizzati, ma non per questo la colpa è tutta di loro considerando che il Comune di Bari, o meglio, noi baresi finanziamo l’Amiu con oltre 70 milioni di euro per un servizio che la maggior parte di noi reputa scadente e insufficiente data la situazione delle strade e la sensazione di scarsa pulizia percepita ovunque in città.

E allora cosa vogliamo fare? Continuare a dire che la colpa è dei baresi senza far nulla? O è meglio iniziare a mappare tutti i contenitori distrutti in città al fine di sostituirli con altri più nuovi o quantomeno decenti?

È vero che gettare l’immondizia non è mai bello, ma quando quel gesto ti costa milioni e milioni di euro, il minimo è farlo nelle migliori condizioni possibili e senza doversi ogni volta tappare il naso e disinfettare le mani!

Bari merita di meglio!