Coronavirus: cosa cambia dal 3 Giugno

Il 3 giugno è la data che tutta Italia aspettava perchè sancirà la fine del lockdown!

Da mercoledì infatti sarà possibile spostarsi, senza limitazioni, tra le regioni e saranno possibili, senza quarantena, i viaggi da e per i Paesi Ue, Schengen e Regno Unito, a meno di specifiche condizioni di reciprocità stabilite dagli Stati.

Quali sono le attività consentite?

Dal 3 giugno sarà consentito l’accesso ai parchi nonché svolgere attività motoria nel rispetto di una distanza di sicurezza di almeno due metri.

Saranno possibili le manifestazioni in forma statica con distanziamento. Le messe, i funerali, le visite ai musei e ai luoghi di cultura, le attività degli stabilimenti balneari e delle strutture ricettive, le attività di bar, ristoranti, barbieri, parrucchieri continuano a essere possibili con tutte le limitazioni di distanziamento già in vigore derivanti dai protocolli di sicurezza

Cosa resta ancora fermo?

Soltanto dal 15 giugno ripartiranno i centri estivi per i minori, nonché, nel rispetto delle distanze di sicurezza e con limitazioni di capienza, cinema, teatri, concerti, anche al chiuso.

Resta il divieto di assembramento e l’obbligo di mantenere una distanza di almeno un metro.

Salvo modifiche dell’ultim’ora, restano sospesi congressi, riunioni, meeting, eventi sociali, centri termali e centri sociali.

Resta ovviamente l’obbligo di rimanere presso il proprio domicilio per chi è in quarantena e per chi ha un’infezione respiratoria con febbre superiore ai 37,5 gradi.